Esercizî di accanimento

POCHI AMICI * MOLTO AMORE :: Il blog di Carmine Mangone

HannesCaspar1



ad Angela


Avete mai pensato ai coni d’ombra dei luoghi pubblici e alla rumorosa oscurità dei toccamenti che vi avvengono? Si potrebbe quasi dire che la scarsa “pubblicità” di certi toccamenti giunga a fondare realmente la natura pubblica dei nostri luoghi comuni.
L’erba fa un gran rumore quando cresce negli interstizî del grigio.

In fondo al parco, c’è qualcuno che non vorresti mai incontrare. Eppure lo attendi da sempre. E da sempre ti vai aprendo, per farlo entrare meglio dentro la chiusura dello spazio.
Un’algebra convulsiva. Tutti noi vogliamo un’algebra convulsiva, ma solo in pochi scavalcano il cancello, solo in pochi s’appendono nudi al gancio del cervello.

C’è poi questa macchia che si chiama memoria. Questo rincorrersi di simboli che non vogliamo ricomporre, ma sbranare, lacerare ulteriormente. Zeus tagliò in due l’androgino e ne fece poi combaciare le parti a suo piacimento. Noi invece restiamo sul taglio, danziamo sulla lama…

View original post 591 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s