Il carcere si perfeziona nel XIX secolo

contromaelstrom

L’uomo nel penitenziario è l’immagine virtuale del tipo borghese che egli deve sforzarsi di diventare nella realtà …

Essi (i carcerati) sono l’immagine del mondo borghese del lavoro pensato fino alle estreme conseguenze, che l’odio degli uomini per ciò che debbono fare a se stessi pone come emblema del mondo …

Come – secondo Tocqueville – le repubbliche borghesi, a differenza delle monarchie, non violentano il corpo, ma investono direttamente l’anima, così le pene di questo ordinamento aggrediscono l’anima.  Le sue vittime non muoiono più legate alla ruota per lunghissimi giorni e notti intere, ma periscono spiritualmente, esempio invisibile e silenzioso, nei grandi edifici carcerari, che solo il nome, o quasi, distingue dai manicomi.

[M. Horkheimer, T. W. Adorno, Dialettica dell’illuminismo, Torino, 1996, pp. 343, 344]

Eastern-State-Penitentiary-primo-carcere-del-mondo-Foto-www.easternstate.org_

L’ipotesi istituzionale – il privilegiare cioè il momento dell’internamento – divenne, così, nell’America della prima metà dell’Ottocento, la nota caratterizzante l’intera politica…

View original post 159 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s