1980 12 15 Paese Sera Ogni conquista non è mai definitiva di Giorgio Manzini

12 dicembre 1969 Piazza Fontana Strage di Stato

1980 12 15 Paese Sera Ogni conquista non è mai definitiva di Giorgio Manzini

Il cronista conserva nitido il ricordo di quel pomeriggio. Dalle prime informazioni sembrava lo scoppio di una caldaia, gran fragore, un soprassalto di paura, ma nessuna vittima. Valeva la pena di scomodarsi? Poi arriva la notizia, secca: è esplosa una bomba, ci sono dei morti, tanti morti. Si corre in piazza Fontana, in mezzo ad un traffico quasi natalizio, in una città che ancora non sa nulla. Il portone della Banca Nazionale dell’Agricoltura è illuminato quasi a giorno, i padelloni della tv investono in pieno le barelle che escono dal salone dello strazio. Nel silenzio si leva una voce, chiara, ferma: qui ci vogliono i carri armati. Nasce da quella frase il sospetto che dietro lo scempio di piazza Fontana ci sia una sconcia macchinazione? Ma ora non c’è modo di riflettere, si prova solo sgomento, e l’orrenda cronaca incalza. Già emerge comunque, con spontanea nettezza, il giudizio: la strage…

View original post 391 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s