Il minimalismo “pop” di Terry Riley

Venerato Maestro Oppure

Compie oggi ottant’anni Terry Riley, fra i padri del minimalismo forse il più padre di tutti. Per l’occasione recupero la scheda di uno dei suoi lavori più classici, “In C”, che scrissi nel 2010 per “Extra”.

Terry Riley

Pensi a cosa è l’elettronica oggi e sono computer e programmi di estrema potenza e versatilità che ti vengono in mente, alla portata di ogni tasca e intelligenza. Non così quando il Maestro californiano cominciava a manipolare registratori e nastri magnetici e marchingegni – in primis il leggendario Time Lag Accumulator, da lui stesso ideato – spesso complessi e quasi sempre inaffidabili. La necessità aguzza il genio, si potrebbe dire nel suo caso. E sarà anche vero che l’ultimo sprazzo di autentica brillantezza di un compositore che del resto va per i settantacinque risale a due abbondanti decenni or sono, vale a dire alla collaborazione con il Kronos Quartet che fruttò “Salome Dances…

View original post 250 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s