Il corpo di una nuova Comune

POCHI AMICI * MOLTO AMORE :: Il blog di Carmine Mangone

Il testo che segue è apparso in precedenza come appendice a L’Arcangelico di Georges Bataille – nell’edizione digitale e gratuita della Maldoror Press -, nonché nel mio La qualità dell’ingovernabile (Gwynplaine edizioni, 2011). Si tratta di uno scritto cui tengo molto, anche perché esso rappresenta in qualche modo l’embrione (e l’estrema sintesi) di Quest’amante che si chiama verità. Le illustrazioni sono di Apollonia Saintclair.

Apollonia-Saintclair_web5-767x1024

«Je pense comme une fille enlève sa robe. À l’extrémité de son mouvement, la pensée est l’impudeur, l’obscénité même. [Io penso allo stesso modo in cui una ragazza si spoglia. All’estremo del suo movimento, il pensiero è l’impudicizia, l’oscenità stessa.]», G. Bataille, Méthode de méditation, 1947.

All’interno dei limiti di ciò che io sono – ma anche di ciò che amo e con cui vengo ad incarnarmi – le mie aspirazioni più decise mirano sempre alla nudità del pensiero:…

View original post 1,454 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s