1972 03 4 Umanità Nova – La reazione dell’uomo alle prevaricazioni legalitarie

12 dicembre 1969 Piazza Fontana Strage di Stato

1972 03 4 Umanità Nova – La reazione dell’uomo alle prevaricazioni legalitarie

Udienza burrascosa e drammatica. Al centro della bufera il giudice, protervo, alto nel suo scanno, difeso da una selva di norme giuridiche, protetto da schiere di tutori armati, dal prestigio di una investitura autoritaria, intoccabile. Al centro del dramma un uomo, solo, braccato, scrutato giorno e notte da oltre due anni da una turba di guardiani malpagati ma ben prevenuti contro «la belva», vessato, angariato, vilipeso, frugato, inquisito in ogni intimità, in ogni pensiero, in nome della legge, con il pretesto di una «giustizia» assurda, incomprensibile, macchinosa, lenta.

Per il giudice la legge è la sua spada, la «giustizia la sua religione. Per l’uomo la legge è l’arma della casta che lo perseguita, la «giustizia» è il tranello in cui lo si vuol far inciampare, il baratro in cui lo si vuole eliminare.

Il giudice non corre alcun rischio, non risponde dei propri errori e, del resto, nessuno – neanche…

View original post 649 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s