L’impossibile che viene, che viene senza cedimenti

POCHI AMICI * MOLTO AMORE :: Il blog di Carmine Mangone

Pierre Lacombe - Le magicien




Tra me e te, c’era l’intraprendenza che prepara l’intesa. Un desiderio di potenza, potremmo dire, che raccoglieva tutta l’ostinazione dei nostri corpi.
Non mantenevamo più un limite, non potevamo permettere che i giorni consueti ci allontanassero da ciò che già s’intuiva; e quell’intervallo tra il reale e l’immaginario (l’impossibile che viene, che viene senza cedimenti) ci negava al banale disastro degli amori mancati.

Quando tu non c’eri – quando la tua assenza progrediva in un mio accanimento contro la necessità che ci separava – mi andavo sprofondando in esercizi d’incarnazione, in ritmi che spezzavano il rumore di fondo di quel mio corpo inevaso. Bastava la fascinazione di una sola immagine a farmi tendere il sangue verso un fondato rigore.

Ammiravo le tue foto. Cercavo di trarne una presenza; ogni volta fuggitiva, certo, ma anche indiscutibile, capace cioè di renderci in una presa reale, in un luogo solo nostro che mi…

View original post 467 more words

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s